Quanto è importante per te cambiare?

L’importanza di Cambiare

Capita spesso, nella vita di tutti i giorni di cercare di convincere qualcuno dell’importanza di cambiare un comportamento chiaramente dannoso al suo benessere.

Ma quanti di questi tentativi di cambiare vanno a buon fine?

Pure i consigli e i suggerimenti del proprio medico di fiducia e di altri operatori,  spesso cadono nel vuoto.

Pensiamo a un medico che sta consigliando al suo paziente diabetico di monitorare la glicemia e di attenersi alla dieta prescritta, eppure quella persona persiste nel suo comportamento distruttivo.

Questo non vuol dire che dare consigli e informazioni non funzioni mai, ma i problemi sorgono quando questa persona non è pronta a riceverli, sia perché non ha ancora preso in considerazione il cambiamento, sia perché vorrebbe cambiare ma è convinta di non farcela.

Disponibilità nel cambiare

cambiare

Il livello di disponibilità a cambiare è legato a due diversi fattori:

  • l’importanza che la persona attribuisce al cambiamento di quel comportamento;
  • la fiducia nelle proprie possibilità di poterlo raggiungere.

Il primo risponde alla domanda “Ne vale la pena?” e fa riferimento alla discrepanza che una persona avverte tra quelle che sono le sue aspettative e i suoi valori personali e come stanno in realtà le cose.

Più forte è questa discrepanza, maggiore sarà il disagio e la sofferenza che questa persona avvertirà nel rimanere nella sua condizione. E l’importanza che attribuirà al cambiamento aumenterà.

La fiducia risponde alla domanda

Sarò in grado di farcela?”

Ho le risorse per riuscire?

Se la sensazione di auto-efficacia è limitata, la persona non ha fiducia nelle proprie possibilità di mettere in atto i comportamenti necessari per raggiungere il cambiamento.

Una parte importante del lavoro di un coach consiste nel valutare il livello di disponibilità nel cambiare della persona che ha di fronte e capire insieme a lei il grado di importanza che attribuisce a certi cambiamenti alimentari, oppure la fiducia che ha nel riuscire ad attuarli.

L’approccio sarà diverso, a seconda se una persona è convinta di potercela fare, ma in questo momento non è però convinta di voler cambiare, oppure è una persona che desidera cambiare ardentemente, ma ha scarsa fiducia di riuscire e non metterà in atto nemmeno un tentativo.

Tutto parte delle credenze che una persona ha su di sé!

E’ molto utile porre delle domande specifiche per portare in luce le dinamiche interne della persona, ad esempio:

  • Quanto ritieni IMPORTANTE questo cambiamento, da uno a dieci?
  • Quanto ti senti FIDUCIOSO di riuscire a realizzare questo cambiamento, da uno a dieci?

Da queste semplici risposte si possono trarre delle utili indicazioni su come meglio aiutare la persona a proseguire nel suo percorso alimentare.

Un caro saluto

Elisabetta

Share and Enjoy !

Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.